Prodotti in evidenza

In un mondo, prigioniero di giudizio e pregiudizi, in cui le diversità fanno ancora fatica ad essere considerate come arricchimento invece che come elemento differenziante, in un mondo nel quale ognuno vuole far emergere un proprio concetto di “normalità”, trova una sua dimensione la nuova collezione Macramè Italia.

maglione alpaca macramè

,

90,00
collo lungo in seta

,

45,00
collo corto in seta

,

45,00

,

140,00
gonna tubino nera

,

190,00
gonna portafoglio in ecopelle

,

210,00
gonna palloncino misto lana e seta

,

240,00
Pantalone palazzo verde in viscosa nuova collezione macramè

,

220,00

Ultimi articoli

Aggiornamenti e curiosità dal mondo della moda alla scoperta di nuovi stili e nuove tendenze con un occhio anche al passato. Parleremo di moda etica e moda sostenibile, settore in continua crescita che finalmente è una realtà anche in Italia.

© Manifattura Tessile Salentina soc. Coop. — P.IVA 04594600753

Icone della moda italiana: la storia di Fernanda Gattinoni

“Il lavoro a mano è uno dei tratti distintivi della nostra griffe insieme ad una grande cura per il dettaglio e ad un’eleganza all’insegna della sobrietà”. Fernanda Gattinoni

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle icone della moda che hanno dato lustro all’alta moda italiana. Donne di carattere, di forza e di stile che si sono distinte nel panorama della moda italiana e che hanno segnato le generazioni future di stilist* di tutto il mondo. 

Madame Gattinoni: tra le più sofisticate icone della moda italiana

Piccola, minuta, sofisticata, determinata e intraprendente, con un carattere di ferro Fernanda Gattinoni nasce in provincia di Varese il 20 Dicembre 1906. Appena diciannovenne si trasferisce a Londra dove lavora per uno dei sarti più esclusi e snob dell’epoca, Molyneux, che vestiva dive e regine.

Diventa una Mademoiselle, una specie di consigliera e confidente (anche se evita di diventare intima con le clienti per non offuscare la sua obiettività) e durante un soggiorno a Parigi, invitata dall’attrice Ina Claire per farsi mostrare gli abiti della collezione Molyneux, rifiuta di lavorare per Coco Chanel che definisce “insopportabile zitella tabagista”e rientra definitivamente in Italia per lavorare nell’Atelier Ventura accanto a Madame Anna, prima a Milano e poi a Roma. Finalmente, nel 1946 e poi nel 1965 inaugura i suoi atelier, il secondo proprio dietro via Veneto. Abbandonata dal marito e sola con un figlio piccolo, dotata di grande forza e carattere, non si abbatte e crea un vero impero dell’alta moda italiana. 

Clienti famose e il successo

La sua prima cliente fu l’attrice Clara Calamai per la quale ideò un tailleur verde. Furono tantissime le dive che diventarono clienti della sua Maison, ma non tutte rientravano nelle sue grazie. Come la Hepburn che considerava troppo perfettina e smidollata, o Liz Taylor che riteneva poco adatta allo stile Gattinoni. 

Madame Gattinoni ama costruire il fascino delle sue clienti partendo da 0, come ricorda Stefano Dominella, Presidente onorario della Maison Gattinoni che ha lavorato per anni al fianco di Madame e del figlio Raniero, scomparso prematuramente e al quale aveva lasciato le redini dell’atelier. Tra le clienti che amava di più Anna Magnani, Lucia Bosé, Kim Novak. Ma quella che considerava in assoluto la sua creatura e che diventerà anche sua amica fidata è Ingrid Bergman. Di lei dice: “La donna che mi ha dato maggior soddisfazione è stata Ingrid Bergman. Trovo non abbia eguali quanto a bellezza, grazia, intelligenza e umanità”.

Alla morte del figlio Raniero nel 1993 a soli 40 anni, la direzione creativa dell’atelier viene affidata a Guillermo Mariotto che ne interpreta l’essenza, il carattere e lo stile.

Le sue creazioni: “Il punto di partenza è sempre la tradizione che viene poi destrutturata, ricostruita, aggiornata”.

Negli anni ’50 del 1900, in cui Roma era un vero set cinematografico a cielo aperto e ospitava grandi attrici di ogni nazionalità, la Gattinoni diventa famosa per i suoi tailleur di flanella grigia di dichiarato gusto anglosassone con cui veste la maharani di Palampur e per i suoi impalpabili drappeggi di seta lombarda con lavorazioni a canestro che risentono degli influssi francesi con cui veste Evita Peròn. Inoltre, riporta in auge lo stile impero in occasione del film Guerra e Pace creando proprio per la Hepburn degli abiti meravigliosi interpretando perfettamente l’essenza dell’attrice.

Insignita dell’onorificenza di Cavaliere di gran croce dal presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro nel 1998, si spegne nella sua casa di Roma nel 2002.

Lo stile Gattinoni

Quasi un secolo trascorso nel suo atelier, Fernanda Gattinoni è tra le più riservate e schive icone di stile femminili. La sua moda raffinata, elegante, sofisticata incanterà le dive di tutto il mondo. Il suo successo è dovuto anche al valore che ha sempre dato al lavoro a mano che ha sempre contraddistinto la sua etichetta insieme ad una particolare attenzione ad ogni dettaglio ma sempre sobrio, delicato e raffinato.

Sosteneva che “Un vestito non è chic se la gente si volta a guardarlo. Deve passare inosservato, e soltanto dopo tre volte che è stato visto, colpire. La prima dovranno pensare “è carino”, la seconda “è veramente carino”, la terza “che meraviglia!”

A questa donna meravigliosamente sofisticata Macramè ha voluto dedicare questo racconto. Una storia permeata di stile e di forza. Una donna che grazie alla sua passione e al suo amore della moda, al suo stile e alla sua raffinata eleganza è ancora oggi di ispirazione alle nuove generazioni di stilist*.

Credits della foto: Marie Claire da Archivio Gattinoni 



Macramé

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.

ho letto e accetto la privacy policy