Prodotti in evidenza

In un mondo, prigioniero di giudizio e pregiudizi, in cui le diversità fanno ancora fatica ad essere considerate come arricchimento invece che come elemento differenziante, in un mondo nel quale ognuno vuole far emergere un proprio concetto di “normalità”, trova una sua dimensione la nuova collezione Macramè Italia.

maglione alpaca macramè

,

90,00
collo lungo in seta

,

45,00
collo corto in seta

,

45,00

,

140,00
gonna tubino nera

,

190,00
gonna portafoglio in ecopelle

,

210,00
gonna palloncino misto lana e seta

,

240,00
Pantalone palazzo verde in viscosa nuova collezione macramè

,

220,00

Ultimi articoli

Aggiornamenti e curiosità dal mondo della moda alla scoperta di nuovi stili e nuove tendenze con un occhio anche al passato. Parleremo di moda etica e moda sostenibile, settore in continua crescita che finalmente è una realtà anche in Italia.

© Manifattura Tessile Salentina soc. Coop. — P.IVA 04594600753

Moda ecosostenibile in Italia: come la pandemia ha modificato il panorama italiano

Negli ultimi anni si è parlato molto di salvaguardia dell’ambiente e delle persone coinvolte in ambienti di lavoro non idonei. Oggi, più che mai, questi concetti sono stati associati alla moda che è una delle industrie più inquinanti al mondo. Anche in Italia si sta ripensando al messaggio di sostenibilità e all’impatto che esso ha sulla società. In quest’ultimo anno la pandemia ha modificato il panorama industriale e sociale e si è fatto dell’idea di “moda ecosostenibile Italia” un principio rivoluzionario che a causa della pandemia è diventato ancora più forte.

Eco-consapevole è il nuovo mantra del terzo millennio: moda ecosostenibile

Quando acquisti una camicia o un paio di pantaloni, stai facendo una scelta che in qualche modo influirà sull’ambiente, soprattutto quando fai acquisti presso marchi a basso costo noti per utilizzare mezzi di produzione poco ecocompatibili. Spesso queste scelte di consumo si ripercuotono anche sui dipendenti che lavorano in paesi lontani spesso in condizioni orribili per abbassare i costi di produzione. Da qui nasce l’esigenza di un altro tipo di moda, che includa sia i principi dell’ecosostenibilità che quelli del commercio etico guidando la visione di una completa trasformazione del settore. 

Questa esigenza già presente prima, ora è più acclarata e la moda deve diventare sostenibile non solo in termini ambientali ma anche sociali. Bisogna produrre meno e più di qualità, facendo particolare attenzione alla filiera dei tessuti e alle donne e agli uomini che li plasmano per poi dare vita a ciò che indossiamo. D’altro canto come consumatori dobbiamo essere ”eco-consapevoli” e dunque acquistare scegliendo con più cura i capi e selezionando brand e aziende che lavorano secondo questi principi. Non lasciatevi ingannare da falsi ”brand moda sostenibile”

Come spiega bene in un’intervista il direttore creativo di Zegna, Alessandro Sartori, “la sostenibilità non è un progetto di marketing o l’intuizione di un designer. E’ innanzitutto un atteggiamento mentale, una filosofia e non appartiene al singolo, ma alla comunità”. Ancora, per Sartori “la sostenibilità’ deve far parte delle nostre vite quotidiane, delle nostre aziende e per quanto riguarda la moda deve essere il fondamento di ogni nostra scelta, nel rispetto del pianeta in cui viviamo e delle generazioni future“.

I nuovi tessuti parlano “eco”

Essere eco-consapevoli significa per i brand di moda sostenibile produrre capi e tessuti più longevi, non usa e getta; abiti che durino nel tempo. In Italia, come nel resto del mondo, di passi avanti in questo senso se ne sono fatti molti negli ultimi anni: si producono filati biodegradabili e ultra performanti dal mais alla plastica riciclata. Per non parlare di tutti quei tessuti di nuova generazione altamente performanti, profumati, termoregolatori. Alla base della moda eco-sostenibile c’è la continua ricerca di nuovi materiali ecologici e rinnovabili, ovvero non pericolosi per l’ambiente e che non richiedano sperpero di risorse naturali.

Macramè sin da subito ha abbracciato questa filosofia ed è pienamente d’accordo con Alessandro Sartori e con Andrea Crespi – presidente comitato di sostenibilita’ di sistema moda italia – quando afferma che “la sostenibilità deve essere intesa anche e soprattutto come longevità altrimenti non andremo da nessuna parte”. 



Macramé

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter.

ho letto e accetto la privacy policy